venerdì 9 marzo 2012

Supa crema de bobi - Macco di fave

Più sotto la ricetta in italiano

Am cumparat bobi cojiti, uscati, care arata asa


Pentru 3 portii
Am pus 400 de gr de bobi intr-o oala cu apa rece, timp de 6 ore.
Dupa acest timp, i-am scurs de apa si clatit bine.
Am cantarit de curiozitate, devenisera aproape 800 de gr.

Intr-o cratita incapatoare am pus 2 cepe verzi potrivite (nu drept din alea subtiri) taiate, in 2 linguri de ulei ev.
Am amestecat de cateva ori si am adaugat bobii, am amestecat din nou si am lasat la foc mic cateva minute.


Am acoperit bobii cu supa de legume fierbinte (eu am pus cat sa acopere cantitatea de bobi, plus inca vreo doua polonice) si am lasat sa fiarba la foc mic de tot.
Amestecam din cand in cand cu lingura de lemn.
Mai tineti deoparte ceva supa, poate mai trebuie la final, in functie de cat de lichida vine crema.


Cand am obtinut o crema si bobii s-au sfarmat de tot, am luat de pe foc si am pus in functiune mixerul vertical.


Am luat o painica cu seminte de fenicul, am taiat-o felii, feliile in bucatele mici de tot si le-am pus pe hartie de copt in tava la cuptor la 170 de grade pana ce s-au bronzat putin. Am pus painea taiata in recipiente finger food, pentru fiecare mesean in parte.

Am fiert frunze de sfecla in apa cu sare, le-am scurs bine dupa care le-am pus intr-o tigaie cu cateva linguri de ulei de masline, vreo doua trei ansoa in ulei si un catel de usturoi. am lasat pe foc pana ce s-a imprietenit gusturile.
Am pus apoi pe fiecare farfurie in mijloc, cu  atentie.
Deasupra un crevete si o langustina la gratar. 

Cina e servita!
Neaparat cu un fir de ulei de masline ev din ala bun.




ITALIANO

Màccu di favi, piatto molto antico della tradizione siciliana, povero ma nutriente, nasce a Raffadali (AG). 

Compro sempre le fave secche (almeno in questo periodo) di Leonforte. Questa volta senza buccia. 
Le fave larghe di Leonforte - presidio Slow Food - cuociono facilmente e quindi non vanno tenute a lungo in ammollo.

Per 2 persone (ma potrebbero mangiare tranquillamente anche 3) conto 200 gr di fave secche senza buccia, a persona.
Metto le fave in ammollo per circa 6 ore, dopodiché le scolo e le metto in una pentola capiente con 2 cipollotti tritati e qualche cucchiaio di olio extra vergine d'oliva. Lascio insaporire.

Copro le fave con brodo vegetale ben caldo (devono essere coperte a filo, più altri 2-3 mestoli di brodo in più), mescolo e lascio bollire piano piano.
Tenere sempre da parte del brodo, che può servire a fine cottura, nel caso in cui il macco risultasse troppo denso.
Ogni tanto mescolo con un cucchiaio di legno e dopo circa un ora tolgo dal fuoco e riduco il tutto in una purea, aiutandomi di un frullatore a immersione.
Regolo di sale.

Ho impiattato e sopra ho adagiato con cura qualche foglia di bietola lessata (qui da noi le chiamiamo zarche) . Quindi, metto a bollire le zarche, poi le scolo e le metto in una padella con qualche cucchiaio di olio extravergine di oliva, due tre acciughe (di quelle sott'olio) e uno spicchio d'aglio. Lascio insaporire per bene.

Ho finito il piatto con un gambero e uno scampo arrostiti e un filo di buon olio extra vergine.

Per ogni commensale ho preparato dei crostini di pane, muffoletti tagliati a cubetti e passati nel forno a 200 gradi finché diventano croccanti. Il muffoletto è un panino con semi di anice.
Buon appetito!


6 commenti:

  1. Grazie tante, ho inserito anche il macco perchè la cosa importante è che la ricetta del macco è quella, ma nella presentazione innovativa hai aggiunto qualcosa ma non hai modificato la ricetta ;-).
    Devi solo ripostarla e aggiungere il bannner con il link ;-)

    RispondiElimina
  2. Va bene Dani, allora la ripubblico e aggiungo il link!!
    Grazie!!

    RispondiElimina
  3. cu gamberi si crostini inka si mai gustos!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Multumesc Vica, ma bucur ca-ti place si tie!

      Elimina
  4. wow così semplice e così buono!! che fantastica presentazione poi :)

    RispondiElimina
  5. E' un piatto molto semplice e non ci vuole niente a farlo, senza sforzi particolari. Si cucina da solo. Grazie mille!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...