mercoledì 24 settembre 2014

Sarmale, involtini di carne in foglia di vite - Sarmale in foi de vita

Mai jos reteta in limba romana

Due mesi di assenza sono tanti. Troppi, direi. 
Mi è mancata la mia casetta virtuale, mi siete mancati voi.
Ho sempre detto che questo blog, questo piccolo spazio che gestisco da un po' più di due anni, non è un lavoro. Riconosco, non sono molto costante nella pubblicazione dei post, ma cerco di fare del mio meglio.
Ringrazio i nuovi amici che si sono aggiunti ai miei follower, ringrazio chi mi ha scritto qui, ma anche nel privato. Grazie di cuore a tutti.
Il post di oggi è speciale...lo scrivo dalla mia nuova casa!!! 
L'abbiamo vista crescere giorno dopo giorno, l'abbiamo sognata, immaginata, desiderata così tanto e finalmente eccoci qui, in campagna, in mezzo ai ulivi e alle palme! 
Ci si sveglia con i canti dei uccellini e delle cicale, l'aria è pulita, c'è la pace e la tranquillità.
Qui l'alba e il tramonto hanno una luce diversa...dei colori splendidi, da sogno. Le giornate sono ancora molto calde e questo ci permette di fare la colazione all'aperto. E nel mentre io sogno le mie piante di erbe aromatiche, i miei fiori e tante altre cose.

Torno con una ricetta che avrei voluto pubblicare da parecchio tempo, ma mi mancavano le foto. 
Questa volta sono riuscita a fare le foto passo per passo, ma mi mancano quelle del piatto finale, c'è solo la foto della pentola appena tirata fuori dal forno! 
Le sarmale, sono dei involtini di carne di maiale. La foglia che accoglie il composto di carne, riso e verdure, può essere di verza (fresca o in salamoia) o di vite (fresca o sotto sale).
E' un piatto unico che va servito con della panna acida (in mancanza anche lo yogurt greco va bene), con dei peperoncini freschi oppure sott'aceto, con il pane oppure con della polenta in inverno. 
In Romania non mancano mai sulla tavola di Natale, Pasqua, per le ricorrenze importanti e ogni regione ha la sua versione. 
Tanti paesi ne rivendicano la paternità: Turchia, Grecia, Ungheria, Russia e tutta l'area balcanica.
Questa è la ricetta di mia mamma. Noi adoriamo le sarmale fatte in questo modo, non sono oleose, sono morbide, saporite..insomma sono squisite e sempre gradite in ogni stagione.
Il loro profumo mi riportano a casa. Cari ricordi mi invadono l'anima ed è sempre festa ogni volta che le mangiamo. 

Note:
- la quantità degli ingredienti che sono citati nella lista qui sotto è per 200 involtini. Non avendo a disposizione 200 foglie di vite (una per ogni involtino), di involtini ne abbiamo fatti 160 e il resto del composto l'ho congelato. La prossima volta farò dei peperoni ripieni.
- dai 160 involtini fatti, 60 li ho congelati crudi e nel momento in cui li scongelerò, li cucinerò come descritto sotto.
- la pentola che vedete nella foto contiene quindi 100 involtini.
- le foglie di vite non sono grandi, sono piuttosto piccole. Si scelgono le foglie più giovani, tenere, quelle in cima alla pianta, altrimenti sono dure. 

Ingredienti per circa 200 involtini:
400 gr riso classico Originario
600 gr cipolla (pesata già pulita)
325 gr carote (pesate già pulite)
300 gr olio di semi di girasole
2,4 kg carne macinata di maiale non troppo magra
2 uova
prezzemolo fresco
aneto fresco
2 scatolette di concentrato di pomodoro di 210 gr ciascuna
210 foglie di vite
sale
pepe

Mettere il riso in una ciotola e lasciarlo in ammollo coperto da acqua fredda.



Tagliare finemente la cipolla e metterla ad apassire in un tegame con l'olio. Dopo circa 2 minuti aggiungere le carote grattugiate finemente.
Si continua la cottura fino a quando le verdure non diventano morbide.





A questo punto, aggiungere il riso scolato, sale, pepe e mescolare il tutto.


Unire il concentrato di pomodoro, mescolare e lasciare sul fuoco ancora per qualche minuto. Spegnere il fuoco e lasciare raffreddare. Questo composto è di una bontà infinita!



Mettere la carne macinata in una ciotola capiente, aggiungere il composto fatto in precedenza e raffreddato, le uova, il prezzemolo e l'aneto tritati. Mescolare il tutto con le mani, assaggiare di sale e pepe. 



Mettere il composto in frigo, coperto, fino al giorno dopo. In questo modo si compatta e sarà più facile e fare gli involtini.


Il giorno dopo, con qualche ora prima di fare le sarmale, si mettono a dissalare le foglie di vite.
Mia mamma le conserva così: mette circa dieci foglie di vite una sopra l'altra, su ogni foglia mette del sale grosso e poi chiude ottenendo un piccolo rotolo. Si conservano così per mesi.



Per dissalarle, si apre delicatamente il rotolo, ogni foglia si lava in modo da eliminare il sale, e poi tutte le foglie si mettono in una capiente ciotola ricoperte di acqua, per qualche ora.
L'acqua si cambia spesso, in modo da dissalare le foglie completamente.





Una volta dissalate, si mettono le foglie a scolare.



Si tira fuori il composto di carne dal frigo, si prende una parte e il resto si rimette in frigo in modo da non ammorbidirsi troppo. Mano a mano che si consuma si tira fuori dell'altro composto.
Sotto, vi faccio vedere come si chiudono gli involtini (grazie mille Mamma!):








Scegliere una pentola che possa andare in forno, mettere delle foglie di vite sul fondo, e iniziare poi a sistemare le sarmale, a strati. Sopra ogni strato mettere qualche goccia di passata di pomodoro.




Una volta sistemate le sarmale nella pentola, versate delicatamente sopra dell'acqua leggermente bollente e portate a bollore sul fuoco.


Quando l'acqua ha ripreso il bollore, togliere la pentola dal fuoco e metterla in forno a 220 gradi (forno preriscaldato), con il coperchio.
Quando riprende il bollore nel forno, abbassate la temperatura a 200 gradi e cuocere per un ora e mezza circa.
Nella pentola di ghisa ci vogliono più o meno questi tempi. In una pentola in acciaio inox, i tempi sono leggermente più lunghi e la temperatura va mantenuta a 220 gradi per tutta la durata della cottura.
Buon appetito!


Româna


Bine v-am regasit dragii mei, dupa mai mult de doua luni de absenta! 

Am avut o vara foarte intensa, ne-am mutat in sfarsit la casuta noastra, la tara, inconjurati de maslini, palmieri, de liniste, de aer curat. Am vazut-o crescind zi de zi, ne-am imaginat-o, am visat-o, am gandit-o asa incat sa ne fie bine. Timpul inca e destul de bun, e cald si asta ne permite sa luam micul dejun afara pe terasa.
Dimineata ne trezim cu cantecul pasarelelor si al greierilor, aerul e curat, e liniste, iar rasaritul si apusul au aici o lumina diversa, culori splendide.
Iata-ma din nou aici pe blog, ca doar nu era sa abandonez casuta mea virtuala si ma intorc cu o reteta pe care as fi vrut sa o public mai de mult, insa mereu uit sa fac poze. De data asta am reusit, insa tare pacat ca n-am o sectiune!
De ce sa mint, parfumul sarmalelor abia scoase din cuptor ma da gata! Iar de gust ce sa mai zic, sarmalele mamei mele pentru mine sunt cele mai bune. Nu sunt uleioase, sunt micute, scazute, asa cum imi plac mie, perfecte pentru papila mea.
Nu stiu care imi plac mai mult, cele cu varza sau cele in foi de vita. Pana una alta vi le prezint pe cele in foi de vita, facute impreuna cu scumpa mea mama.

Note:
- cantitatea de ingrediente citate in lista de mai jos este pentru 200 de sarmale. Neavind la dispozitie suficiente frunze de vita de vie, am facut 160 de sarmale, iar restul compozitiei am congelat-o intr-o punga de plastic. Data viitoare o sa fac ardei umpluti.
- din cele 160 de sarmale facute, 60 le-am congelat crude si in momentul in care o sa le decongelez le voi gati cum am scris mai jos.
- oala pe care o vedeti in poza contine deci 100 de sarmale.
- frunzele de vita de vie trebuie sa fie tinere, moi, se aleg acelea din varful plantei, al lastarului.

Ingrediente pentru circa 200 de sarmale:
400 gr orez
600 gr ceapa (cantarita deja curatata)
325 gr morcov (cantarit deja curatat)
300 gr ulei de floarea soarelui
2,4 kg de carne tocata de porc 
2 oua
patrunjel
marar
2 cutii de bulion de 210 gr fiecare
210 foi de vita de vie (eu am avut frunze conservate de mama in sare groasa)
sare
piper


Se pune orezul intr-un castron, se acopera cu apa rece si se lasa la inmuiat.
Se taie ceapa marunt si se pune intr-o tigaie cu uleiul, la foc potrivit. Dupa circa 2 minute se adauga morcovul dat la razatoarea mica si se lasa in continuare pe foc pana cand legumele se inmoaie.
Se adauga apoi orezul scurs de apa, sare, piper, se amesteca si se adauga si bulionul.
Se mai lasa pe foc pret de cateva minute, se stinge focul si se lasa compozitia la racit.
Se pune carnea intr-un castron incapator, se adauga compozitia care intre timp s-a racit, patrunjelul si mararul tocat marunt, 2 oua. Se amesteca bine si se gusta de sare si piper.
Compozitia rezultata se pune in frigider pana a doua zi. Astfel, se compacteaza si sarmalele vor fi mai usor de invelit.
A doua zi, cu cateva ore inainte de a pregati sarmalele, se desareaza frunzele de vita de vie. 
Mama pune cam zece frunze intr-un pachetel, una peste alta, intre fiecare frunza presara sare mare, iar apoi ruleaza. Tin foarte bine conservate asa, luni de zile.
Se desareaza in felul urmator: se desface fiecare rulou, se spala usor fiecare frunza in asa fel incat sa cada sarea, iar apoi se pun frunzele intr-un castron incapator, acoperite de apa rece. Se schimba apa de cateva ori, iar apoi se pun la scurs.
Se scoate compozitia din frigider, se ia o parte intr-un castron, iar restul se repune in frigider pana in momentul in care va fi utilizata, in asa fel incat sa nu se inmoaie. 
Se fac sarmalele, fiecare le inveleste dupa bunul plac, dupa propria metoda, etc. In pozele de mai sus v-am aratat cum le inveleste mama, aceeasi metoda o folosesc si eu, multumesc mami!
Pe fundul oalei in care vom coace sarmalele, se aranjeaza frunze de vita de vie, apoi se pun sarmalele in straturi. Pe fiecare strat se pun cateva picaturi de suc de rosii.
Cand am terminat de aranjat sarmalele in oala, se toarna cu grija deasupra apa fierbinte si se pune oala pe foc pana ce da in clocot. 
Se ia apoi oala si se pune in cuptor (preincalzit) la 220 de grade, cu capac, iar cand apa incepe sa fiarba din nou in cuptor, se reduce temperatura la 200 de grade si se lasa o ora si jumatate, cu capac.
Daca oala e din fonta, cum e a mea, atunci sunt valabili timpii de coacere pe care i-am scris mai sus. Daca oala e din inox, atunci timpii sunt ceva mai lungi, iar temperatura se lasa mereu la 220 de grade.
Pofta buna!



78 commenti:

  1. Bellissimi passo passo , bellissima la descrizione della tua nuova casa mi sembrava di essere li con te a far colazione in giardino , sono felice che tu sia contenta della casa .
    Grazie per essere passata da me , e per voler mettere la foto della torta nel tuo blog :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per le belle parole e ancora grazie aver provato la torta, ho messo la foto nel post "Le mie ricette fatte da voi".

      Elimina
  2. Cara Any, vedere le foto di questi involtini, a me mi si sveglia subito, l'appetito.
    Ciao e buona serata cara amica. Stupende tutte le foto:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso, ti dico la verità: riguardare queste foto, pensando alla bontà di questi involtini, mi viene l'acquolina in bocca! Ciao, un abbraccio e a presto!

      Elimina
  3. Bentornata Any!!! E complimenti per la nuova casa, bellissimo vivere circondati dalla natura!!
    Che bella ricetta , curata e dettagliata, bellissimi avvolti nella vite:) grazie per averci fatto conoscere questi involtini !!
    Buona serata, un bacio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! La vita in campagna, circondati dalla natura è tutta un'altra cosa, è vero.
      Buona giornata e a presto!

      Elimina
  4. Mi piace tantissimo il racconto della campagna ed è quello che sogno anche io da tanto tempo. Si sa che spesso con i figli non puoi fare le scelte proprio come vuoi. A loro non piaceva allontanarsi della città, anche per via della scuola, perciò siamo stati vincolati.Non sapiamo cosa porta il giorno di domani, ma a noi la campagna è piaciuta da sempre. Ho tirato un sospiro di sollievo anche per te, pensando di esserci lì. Bello, bello, bello ! In quanto le sarmale, sono buonissime. Ci vuole tempo per farli, ma c'è anche soddisfazione. Complimenti e buona serata !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I sogni non si abbandonano mai e chissà, magari un domani quando i figli saranno già grandi potrete esaudire il vostro sogno. Ve lo auguro con tutto il cuore!
      Grazie per i complimenti e per essere passata. A presto!

      Elimina
  5. Li ho mangiati sia in diversi posti in medio oriente e li trovo deliziosi!! Brava Any, 200?? Che eroina che sei!!
    Un abbraccio e ben ritrovata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia, mi fa tanto piacere che tu abbia avuto modo di assaggiarli! Sono deliziosi, è vero!
      Si, ne abbiamo fatto 200, ma considera che c'era mia mamma con me, che è una specialista a chiudere gli involtini. Un abbraccio!!!!

      Elimina
  6. Nici nu stiu cu ce sa incep. In primul rand va doresc sa folositi sanatosi noua voastra casuta si sa fiti cat mai fericiti in ea.
    In al doiea rand ma bucur tare mult ca ai revenit, iar in al treilea ( sau de fapt asta sa fi fost primul ) mi-ai facut o pofta de sarmale in vita de nu pot sa-ti spun.
    Te pup cu mult drag.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Multumesc din suflet Miculina draga pentru urari!
      Da, imi era dor de blog, abia asteptam sa revin si sa stii ca mi s-a facut iar pofta de sarmale. Cele pe care le am in congelator nu stiu daca o sa reziste pana la Craciun. Incerc sa le ocolesc, sa vedem daca rezist!
      Te pup si eu!

      Elimina
  7. Bentornata Any!!
    Si percepisce molto la tua grande gioia per la casa nuova, complimenti. La vita in campagna è tutta un'altra storia, unica.
    Questi involtini li ho assaggiati a casa di un'amica rumena diversi anni fa e devo dire che sono molto particolari e deliziosi.
    Un abbraccio
    Alessia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alessia!
      Che bello leggere le tue parole, è vero, questi involtini sono buonissimi e quelli della tua amica erano deliziosi sicuramente. Mi fa piacere che tu li abbia assaggiati.
      Un abbraccio e grazie per essere passata.

      Elimina
  8. Che bella ricetta!! Spiegata molto bene!! Mi piace!!

    RispondiElimina
  9. Benritrovara Any, particolare e gustoso questo piatto, le foto come sempre bellissime :)
    Complimenti per la nuova casa!!!
    Bacioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely, bentrovata anche a te!

      Elimina
  10. Ciao Any, bentornata, ma che bello che sei nella casa nuova, chissà quante cose hai avuto da fare per sistemare, ma ci credo che sei contenta, spero che succeda presto anche a me. Venerdì firmo gli atti dal notaio e poi si parte con i lavori. Spero che a Natale sarò là. Che belli questi involtini, immagino che li hai preparati con la tua mamma, e per questo saranno per te i migliori del mondo. Ti abbraccio forte forte, adesso ci sentiremo spesso, mi sei mancata... bacioni :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi è il grande giorno amica mia!!!! Ti penserò e non vedo l'ora di sentirti per dirmi che è andato tutto bene!
      Si, gli involtini li ho preparati con mia mamma, li facciamo ogni anno, ma solo ora sono riuscita a fare le foto passo per passo. Ti abbraccio!

      Elimina
  11. Ho seguito attentamente tutta la descrizione...sembrano davvero buonissimi, dovrò procurarmi delle foglie di vite...brava hai descritto tutto in modo perfetto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Marina, per qualsiasi chiarimento sono qui!

      Elimina
  12. ma quanto sei brava, una ricetta mai vista e sentita!complimenti Any sei troppo bravaaaaa!!!!
    bentornata!!!!!!!!!
    auguri per la nuova casa...sarà bellissima, poi io adoro la natura!ti abbraccio a presto simona:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simo, mi fa piacere ritrovarti di nuovo qui! Grazie anche per gli auguri, ti abbraccio e ti auguro un felice week-end.

      Elimina
  13. Congratulazioni per la casa nuova e grazie per questa bellissima ricetta!

    RispondiElimina
  14. Ciaoooo!!!
    Vedo che anche tu sei mancata.....
    Innanzitutto auguroni per la nuova casa!!!!!
    Per quanto riguarda la ricetta,sono sicura che è molto buona,gli ingredienti mi piacciono....per me è una novità il fatto che hai usato le foglie di vite per avvolgere la carne,brava come sempre!
    Buonanotte
    Letizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Letizia, mi sa che quest'estate siamo stati in tanti a mancare dai blog! Grazie per gli auguri!

      Elimina
  15. Carissima Any, bentornata:)))che piacere leggerti di nuovo e con una ricetta splendida, meravigliosa come questa:))) non la conoscevo, e ti ringrazio tantissimo per averla condivisa: sicuramente questi involtini sono buonissimi e la loro preparazione è veramente particolare: mi attira, mi incuriosisce tantissimo e mi viene l'acquolina solo a leggere la ricetta e a guardare queste meravigliose foto, che rendono tantissimo l'idea della bontà del piatto che hai preparato:)))
    bravissima come sempre, ti faccio i miei migliori complimenti:))
    un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosy, sei troppo gentile!

      Elimina
  16. Ci sei mancata, ma sei tornata con una ricetta super... bravissima!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio anche a te Michela e grazie!!!!

      Elimina
  17. Iubita, vin la tine sau imi trimiti si mie o portie de sarmalute ??? Eu maninc doar ardei umpluti sau fac cu varza, ca frunza de vie nu am... Pupici !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dani vino tu si adu' si-un bulanas de iepure ca tare bun e! Eu cu varza nu fac ca nu gasesc aici varza moale, numai din aia tare si fierb la ea de-mi vine acru' :)). Frunzele de vie le aduce mama, puse cu sare.
      Te pup si iti doresc un sfarsit de saptamana cat mai frumos!

      Elimina
  18. Dev'essere un posto incantevole quello dove vivi ora !!!!!!
    I tuoi involtini hanno un aspetto molto, ma molto invitante, chissà che profumo.
    Bentornata, mi sono mancati molto i tuoi post
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lisa, che bello essere di nuovo qui tra di voi! Grazie di cuore.

      Elimina
  19. Bine ai revenit, draga mea Any! Ce-mi faci tu mie cu sarmalutele acestea?!?!?! Doamne, ce pofta mi se facu :) Vad ca ai publicat numai retete una si una in timpul absentei mele. Te pup cu drag

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bine te-am regasit Diana!! Pai ma crezi ca si mie mi s-a facut pofta iar??
      Te pup si eu, pe curand!

      Elimina
  20. BENTORNATAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!! e sei tornata alla grandissima con un piatto REGALE!!!!
    grazie e bacioni!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mimma!!!!!!!! Un abbraccio!

      Elimina
  21. Bentrovata! Che bello leggere della tua nuova casa :)
    Questa ricetta è molto sfiziosa :)

    Rock'n'Giu Blog
    Rock'n'Giu Facebook

    RispondiElimina
  22. intanto bentornata! poi auguroni per la tua nuova casa, è fantastico quando i sogni si avverano!!! Io sono cresciuta a colpi di sarmale! mia mamma le fa spesso, qualche volta solo con le foglie di vite perché non ne trovava (anche se credo ora le trovi da Auchan) ma con verza, non mette la salsa e non le cuoce in forno, è meraviglioso vedere quante varietà di una ricetta esistono e poterle provare tutte! ora le giro il tuo link e le do l'idea. Sei stata bravissima, molto chiara ed esplicativa come sempre! Mi frego una decina di sarmale (per meno manco mi siedo a tavola!) e ti auguro un mondo di bene, bacioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La verza la trovo, ma purtroppo quella che trovo qui è molto dura, non va bene per questo tipo di preparazione. Mia mamma porta ogni anno le foglie di vite conservate con il sale grosso e quindi le facciamo con le foglie di vite. Non saprei dire quale versione mi piace di più, sono tutte e due di una bontà unica!
      Che bello sapere che abbiamo tante cose in comune!!
      Grazie Sonia, ti abbraccio!

      Elimina
  23. Ciao Any, come è il tempo nella mia bella Sicilia? Qui è stato bello, ma sera e mattina fa proprio fresco.... Buona serata, bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ieri ha piovuto, ma oggi c'è uno splendido sole, la giornata è bellissima!
      Ti aspetto con delle belle novità!!!!!!!

      Elimina
  24. Any cara ben tornata e auguroni per la casetta nuova.
    Come sempre sei bravissima nella descrizione dei piatti :-)

    RispondiElimina
  25. Auguri per la tua nuova casa! La ricetta la conosco bene, è meravigliosa.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola! Hai avuto l'occasione di assaggiare questi involtini?

      Elimina
  26. Ciao Any, da quando li ho mangiati in Grecia ho sempre desiderato farli gli involtini con le foglie di vite. Qual'è il periodo migliore per raccoglierle? Adesso sono troppo dure? La ricetta è molto ben descritta. Bravissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Natascia, adesso sono troppo dure, il periodo migliore per raccoglierle è il mese di giugno (i primi di giugno).
      Grazie, mi fa piacere vedere che ce ne sono tante persone che li hanno assaggiati.

      Elimina
  27. Devono essere molto saporiti questi involtini, viene voglia di provarli, però qui in città bisognerà usare la verza, perché le foglie di vite non si trovano facilmente.
    Complimenti e auguri per la nuova casa, da come la descrivi sembra proprio un piccolo paradiso!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Mariachiara, sono buonissimi! Si usa anche la verza, bisogna trovare però una varietà più morbida, perché se è dura non si cucina facilmente.
      Bisogna eliminare le cestole più dure di ogni foglia e poi le foglie di verza si sbollentano per un minuto, massimo due. Se la verza e dura e si fa fatica a togliere foglia per foglia, allora con l'aiuto di un coltello si toglie il torsolo e si butta quindi la verza in acqua bollente. In questo modo le foglie si staccano facilmente.
      Grazie mille per gli auguri e per i complimenti!

      Elimina
  28. Bienvenida de nuevo!! esta receta es muy interesante, no la conocia y me ha gustado mucho. Bs.
    Julia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Julia, un abbraccio.

      Elimina
  29. Bentornata Any!
    Che emozione la casa nuova!
    E che bella questa ricetta con le foglie di vite: non ho mai pensato che si potessero usare in cucina! Vedo che te l'hanno già chiesto, ma lo faccio anch'io: adesso non è la stagione giusta per raccoglierle, vero? Immagino che si debba fare in primavera...
    Post interessantissimo e molto chiaro, grazie dell'idea :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca, benritrovata!
      Si, devo dire che è molto bello essere finalmente qui in campagna dove ogni giorno è una nuova scoperta.Ogni giorno ha un profumo diverso, una luce diversa.
      La tradizione vuole che questi involtini in primis si preparino con le foglie di verza. Ma anche la versione con le foglie di vite è molto molto conosciuta. Pensa che in Romania, negli ultimi anni, al supermercato sono apparse le foglie di vite in salamoia. Una volta le ho trovate anche qui in Italia, ma erano troppo grandi e quindi dure.
      Il periodo migliore per raccoglierle è il mese di giugno, quindi i primi di giugno. Si scelgono le foglie più giovani e tenere, quelle che si trovano nella parte alta della pianta.
      Se si fanno subito gli involtini, allora bisogna solo lavarle e poi buttarle per un secondo in acqua bollente. Quindi si buttano in acqua e si tolgono subito altrimenti si rompono.
      Se invece le foglie non si usano subito, si conservano benissimo con del sale grosso. Si mettono circa dieci foglie una sopra l'altra e in mezzo a ogni foglia si mette del sale grosso. Si fa un piccolo rotolo e si mettono in un contenitore che può essere di vetro, di plastica e si conservano benissimo per mesi.
      Ti abbraccio e ti ringrazio!

      Elimina
  30. Ciao bentornata! non ho mai assaggiato questo piatto ...mi incuriosisce! Auguri per la tua nuova casa
    buona serata

    RispondiElimina
  31. Ciao Any, tutto bene! Sono a metà dell'opera, come si dice, adesso basta fare i lavori.... Un bacione e buona domenica :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguri!!!!!!!!!!!!!!! Buona settimana!

      Elimina
  32. Che bello rileggerti cara,sei mancata molto anche a me,bentornata!!!:-))
    E hai fatto un ritorno alla grande con questa delizia romena,bravissima!!!!
    Un bacione buona domenica cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Daiana, questa è una ricetta della tradizione, è tanto tempo che avrei voluto pubblicarla. Ti abbraccio!

      Elimina
  33. Any draga, mi-am adus aminte ca eu am facut din retetele tale " tarta sarata fara blat " si " crinckelsii " .Daca vrei poti sa iei si pozele alea.
    Te pup si-ti doresc duminica faina in continuare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O da, sigur ca o sa pun pozele! Multumesc Micule, o saptamana frumoasa iti doresc!

      Elimina
  34. non li avevo mai visti preparati cosi le foglia di vite è una bella ricetta

    RispondiElimina
  35. Ciao Any cara, come stai? Bentrovata! :) Devono essere molto buoni questi involtini e tu sei stata chiarissima nella spiegazione, grazie e complimenti! :) Un bacio grande, felice settimana :) <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale e grazie!!!! Felice settimana anche a te!

      Elimina
  36. Ciao Any, ho letto e risposto, grazie della tua amicizia, è un dono preziosissimo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, il sentimento è reciproco!

      Elimina
  37. Ciao! Ho trovato il tuo blog grazie all'iniziativa di Kreattiva, complimenti perché è veramente un bello spazio e poi adoro la cucina <3
    Questa ricetta degli involtini mi ricorda un po' un tipo che fa mia mamma, ma avvolti nel cavolo verza.
    Tu dove le trovi le foglie di vite? Le compri o hai una fonte "personale" a cui attingere?
    Adesso vado a curiosare un po' nelle altre ricette, ho già visto quella con zucca e funghi che mi ispira molto e sicuramente proverò a rifarla presto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annalisa e benvenuta!
      Si, questi involtini si fanno anche con le foglie di verza che prima si sbollentano un pochino. Le foglie di vite, me le porta mia mamma, conservate sotto sale. Qui si trovano al supermercato, io le ho trovate a Carrefour, ma non erano buone: erano troppo grandi e quindi non tenere e quando è così nemmeno in cottura si ammorbidiscono.
      Perciò, se vuoi farli con le foglie di vite purtroppo devi aspettare il prossimo anno. Il periodo ideale e all'inizio del mese di giugno. Si scelgono le foglie più tenere, quelle che sono in cima alla pianta. Le puoi consumare subito oppure conservarle con il sale grosso: metti circa 10 foglie una sopra l'altra e in mezzo a ogni foglia del sale grosso, giri poi le foglie formando un rotolo e le conservi in un contenitore di plastica. Possono stare così per mesi.
      Ora vado a visitare anch'io il tuo blog!

      Elimina
    2. Ah ok, ho capito. Anche nel mercato del mio quartiere, nonostante molto fornito, non le ho mai viste. Mi sa che dovrò trovare un "fornitore campagnolo" o accontentarmi di quelle di verza. Grazie mille per il chiarimento :)

      Elimina
    3. Grazie a te, buona domenica!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...